HEADER
BOX HOME CC
sei in: News > Ambiente
Rifiuti, adottato il Piano nazionale delle ispezioni in conformita' dell'art. 34 della direttiva 2008/98/CE
24 gennaio 2017
BANNER SUB NOTIZIA
E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale italiana del 10 gennaio scorso il Decreto del Ministero dellambiente con il quale è adottato il Piano nazionale delle ispezioni di stabilimenti, imprese, intermediari e commercianti in conformita' dell'art. 34 della direttiva 2008/98/CE, nonche' delle spedizioni di rifiuti e del relativo recupero o smaltimento.
La problematica dei controlli sulle spedizioni di rifiuti è considerata una priorità nell’ambito del Regolamento (CE) n. 1013/2006 sulle spedizioni di rifiuti (di seguito Regolamento), al fine di individuare e prevenire il problema delle spedizioni illegali.
Le spedizioni illegali di rifiuti, infatti, come detto nella premessa del piano, sono causa di considerevoli danni alla salute umana e all’ambiente soprattutto nel caso in cui i rifiuti non vengano recuperati o smaltiti in maniera ambientalmente corretta nei paesi di destinazione.
Le ragioni che spingono un soggetto o un’impresa ad effettuare una spedizione illegale di rifiuti sono di carattere sostanzialmente economico. Notevole, infatti, è il risparmio che può derivare dal fatto che i rifiuti non vengono recuperati o smaltiti in impianti che richiedono elevati requisiti tecnici e che, invece, sono trasportati e smaltiti in Paesi che non possiedono standard ambientali elevati.
Il Regolamento sottolinea con forza l’importanza della cooperazione bilaterale o multilaterale tra Stati membri nell’individuazione, prevenzione e controllo dei traffici illeciti di rifiuti. Solo attraverso una forte e proficua collaborazione tra le autorità competenti coinvolte dei paesi di spedizione, destinazione e transito è possibile, infatti, trovare una soluzione comune per la risoluzione dei casi di spedizioni illegali di rifiuti.
Nel caso in cui ad essere coinvolto in una spedizione illegale di rifiuti fosse un Paese extra UE, anche la Convenzione di Basilea sul controllo di movimenti transfrontalieri di rifiuti pericolosi e sul loro smaltimento pone l’accento, allo stesso modo, sulla necessità di cooperazione tra le Parti della Convenzione per la gestione e risoluzione dei casi di spedizione illegale.
In tale ultima ipotesi, occorre, quindi, far riferimento anche alle “Linee guida per l’individuazione, prevenzione e controllo dei traffici illeciti di rifiuti pericolosi” adottate nel dicembre 2002 nel corso della sesta Conferenza delle Parti della Convenzione di Basilea.
In tale contesto, si inserisce il ruolo fondamentale svolto dalle autorità competenti di controllo che, nei perimetri delle proprie competenze stabilite dalla normativa di ciascun Stato membro, devono assicurare il loro supporto e la loro collaborazione alle autorità competenti di spedizione, destinazione o transito coinvolte che si trovano a dover gestire tale tipo di illeciti.
Pertanto, al fine di superare alcune divergenze e lacune riscontrate nell’applicazione del Regolamento tra gli Stati membri, in particolare nell’espletamento dei controlli di cui all’articolo 50 concernente “misure di esecuzione negli Stati membri”, è stato emanato il Regolamento (UE) n.660/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014, che ha previsto sostanziali modifiche a tale articolo del Regolamento.
Il Piano Nazionale delle Ispezioni (di seguito Piano), quindi, è stato redatto in attuazione del novellato articolo 50 del Regolamento e concorre, insieme ai Piani di ispezione redatti negli altri Stati membri, ad armonizzare a livello europeo le modalità con cui vengono garantite le ispezioni su stabilimenti, imprese, intermediari e commercianti in conformità all’articolo 34 della direttiva 2008/98/CE, nonché sulle ispezioni delle spedizioni di rifiuti e del relativo recupero o smaltimento.
Lo stesso, inoltre, mira a garantire una pianificazione regolare e coerente di tali ispezioni, mediante un'opportuna valutazione dei rischi ed un adeguato coordinamento di tutti i soggetti istituzionali convolti.
Fonte: GUI
Per Approfondire:
- DECRETO 22 dicembre 2016 - Recepimento della direttiva 2015/2087/CE, recante modifica dell'allegato II, della direttiva 2000/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico. (16A09150) (GU Serie Generale n.3 del 4-1-2017)
- Direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008 , relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive (Testo rilevante ai fini del SEE) (Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 312/3 del 22.11.2008)
BANNER SUB NOTIZIA
Tematica
BOX HOME DX
BANNER SUB NOTIZIA BANNER SUB NOTIZIA

DECRETO LEGISLATIVO 16 dicembre 2016, n. 257 - Disciplina di attuazione della direttiva 2014/94/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di una infrastruttura per i combustibili alternativi. (17G00005) (GU Serie Generale n.10 del 13-1-2017 - Suppl. Ordinario n. 3)

BANNER SUB NOTIZIA

• 14 gennaio 2017 entra in vigore il DECRETO LEGISLATIVO 16 dicembre 2016, n. 257 - Disciplina di attuazione della direttiva 2014/94/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di una infrastruttura per i combustibili alternativi.
• 10 gennaio 2017 - Entra in vigore il DECRETO 22 dicembre 2016 - Recepimento della direttiva 2015/2087/CE, recante modifica dell'allegato II, della direttiva 2000/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico. (16A09150) (GU Serie Generale n.3 del 4-1-2017)

BANNER SUB NOTIZIA
Box pubbli1 home

- Il Centro Formazione UNI è un importante punto di riferimento per tecnici, manager, imprenditori, professionisti e consulenti interessati ad apprendere e a mantenersi aggiornati sulle novità tecnico-normative e legislative che stanno alla base della loro attività.

- Milano, 11 settembre 2017 - Progettazione della Manutenzione. Metodologia e strumenti per una fabbrica intelligente
- Roma, 12 settembre 2017 - UNI EN ISO 14001:2015. Il nuovo approccio ai sistemi di gestione ambientale
- Milano, 13 settembre 2017 - La Statistica per i non addetti ai lavori. Corso Avanzato
- Milano, 14 settembre 2017 - Le caratteristiche metrologiche degli strumenti e gli errori tipici nelle misure dimensionali
- Milano, 15 settembre 2017 - Vigilanza e sorveglianza del mercato per i Dispositivi medici secondo la Direttiva 93/42/CEE - successive modifiche e integrazioni
- Milano, 18 settembre 2017 - Progettazione sostenibile degli spazi verdi UNI/PdR 8:2014. Pianificazione, realizzazione e manutenzione
- Milano, 18 settembre 2017 - La Comunicazione scritta: dai documenti alle e-mail
- Milano, 20 settembre 2017 - Unannounced audit: audit senza preavviso ai fabbricanti di dispositivi medici e ai loro fornitori critici
- Milano, 20 settembre 2017 - Unannounced audit: audit senza preavviso ai fabbricanti di dispositivi medici e ai loro fornitori critici
- Milano, 21 settembre 2017 - Eventi sostenibili secondo la norma UNI ISO 20121
- Milano, 22 settembre 2017 - La Struttura Aziendale: disegnare l’organigramma in staff e line ottimizzando le funzioni aziendali nella logica per processi
- Milano, dal 25 al 26 settembre 2017 - I Professionisti dell’HR management: Recruiting Specialist
- Milano, 25 settembre 2017 - UNI EN ISO 14001:2015. Il nuovo approccio ai sistemi di gestione ambientale
- Roma, 25 settembre 2017 - La Responsabilità Sociale d’Impresa attraverso la UNI ISO 26000: Sviluppi e Applicazioni della Prassi di Riferimento 18:2016
- Milano, 26 settembre 2017 - Emissioni da sorgente fissa: assicurazione della qualità dei sistemi di misurazione automatici secondo la norma UNI EN 14181:2015
- Milano, 27 settembre 2017 - Emissioni da sorgente fissa: UNI EN 14181:2015. I metodi di riferimento per le emissioni. Descrizioni e valutazioni operative
- Milano, 28 settembre 2017 - I circuiti di comando aventi funzioni di sicurezza. Applicazione pratica della norma UNI EN ISO 13849-1
- Milano, 29 settembre 2017 - La stima del Livello di Prestazione (PL) in accordo alla norma UNI EN ISO 13849-1 mediante l'utilizzo del software SISTEMA


Calendario corsi secondo semestre 2017




FOOTER