HEADER
BOX HOME CC
sei in: News > Ambiente
Rifiuti, adottato il Piano nazionale delle ispezioni in conformita' dell'art. 34 della direttiva 2008/98/CE
24 gennaio 2017
BANNER SUB NOTIZIA
E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale italiana del 10 gennaio scorso il Decreto del Ministero dellambiente con il quale è adottato il Piano nazionale delle ispezioni di stabilimenti, imprese, intermediari e commercianti in conformita' dell'art. 34 della direttiva 2008/98/CE, nonche' delle spedizioni di rifiuti e del relativo recupero o smaltimento.
La problematica dei controlli sulle spedizioni di rifiuti è considerata una priorità nell’ambito del Regolamento (CE) n. 1013/2006 sulle spedizioni di rifiuti (di seguito Regolamento), al fine di individuare e prevenire il problema delle spedizioni illegali.
Le spedizioni illegali di rifiuti, infatti, come detto nella premessa del piano, sono causa di considerevoli danni alla salute umana e all’ambiente soprattutto nel caso in cui i rifiuti non vengano recuperati o smaltiti in maniera ambientalmente corretta nei paesi di destinazione.
Le ragioni che spingono un soggetto o un’impresa ad effettuare una spedizione illegale di rifiuti sono di carattere sostanzialmente economico. Notevole, infatti, è il risparmio che può derivare dal fatto che i rifiuti non vengono recuperati o smaltiti in impianti che richiedono elevati requisiti tecnici e che, invece, sono trasportati e smaltiti in Paesi che non possiedono standard ambientali elevati.
Il Regolamento sottolinea con forza l’importanza della cooperazione bilaterale o multilaterale tra Stati membri nell’individuazione, prevenzione e controllo dei traffici illeciti di rifiuti. Solo attraverso una forte e proficua collaborazione tra le autorità competenti coinvolte dei paesi di spedizione, destinazione e transito è possibile, infatti, trovare una soluzione comune per la risoluzione dei casi di spedizioni illegali di rifiuti.
Nel caso in cui ad essere coinvolto in una spedizione illegale di rifiuti fosse un Paese extra UE, anche la Convenzione di Basilea sul controllo di movimenti transfrontalieri di rifiuti pericolosi e sul loro smaltimento pone l’accento, allo stesso modo, sulla necessità di cooperazione tra le Parti della Convenzione per la gestione e risoluzione dei casi di spedizione illegale.
In tale ultima ipotesi, occorre, quindi, far riferimento anche alle “Linee guida per l’individuazione, prevenzione e controllo dei traffici illeciti di rifiuti pericolosi” adottate nel dicembre 2002 nel corso della sesta Conferenza delle Parti della Convenzione di Basilea.
In tale contesto, si inserisce il ruolo fondamentale svolto dalle autorità competenti di controllo che, nei perimetri delle proprie competenze stabilite dalla normativa di ciascun Stato membro, devono assicurare il loro supporto e la loro collaborazione alle autorità competenti di spedizione, destinazione o transito coinvolte che si trovano a dover gestire tale tipo di illeciti.
Pertanto, al fine di superare alcune divergenze e lacune riscontrate nell’applicazione del Regolamento tra gli Stati membri, in particolare nell’espletamento dei controlli di cui all’articolo 50 concernente “misure di esecuzione negli Stati membri”, è stato emanato il Regolamento (UE) n.660/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014, che ha previsto sostanziali modifiche a tale articolo del Regolamento.
Il Piano Nazionale delle Ispezioni (di seguito Piano), quindi, è stato redatto in attuazione del novellato articolo 50 del Regolamento e concorre, insieme ai Piani di ispezione redatti negli altri Stati membri, ad armonizzare a livello europeo le modalità con cui vengono garantite le ispezioni su stabilimenti, imprese, intermediari e commercianti in conformità all’articolo 34 della direttiva 2008/98/CE, nonché sulle ispezioni delle spedizioni di rifiuti e del relativo recupero o smaltimento.
Lo stesso, inoltre, mira a garantire una pianificazione regolare e coerente di tali ispezioni, mediante un'opportuna valutazione dei rischi ed un adeguato coordinamento di tutti i soggetti istituzionali convolti.
Fonte: GUI
Per Approfondire:
- DECRETO 22 dicembre 2016 - Recepimento della direttiva 2015/2087/CE, recante modifica dell'allegato II, della direttiva 2000/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dalle navi e i residui di carico. (16A09150) (GU Serie Generale n.3 del 4-1-2017)
- Direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008 , relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive (Testo rilevante ai fini del SEE) (Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 312/3 del 22.11.2008)
BANNER SUB NOTIZIA
Tematica
BOX HOME DX
BANNER SUB NOTIZIA BANNER SUB NOTIZIA

• Pubblicato in Gazzetta ufficiale italiana il decreto del Ministero dell'ambiente 8 novembre 2017 - Piano generale per l'attivita' di vigilanza sull'emissione deliberata nell'ambiente di organismi geneticamente modificati.
• Pubblicato in Gazzetta Ufficiale italiana il decreto del Ministero dell'ambiente 20 dicembre 2017 - Attuazione della direttiva 1999/22/CE relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici

BANNER SUB NOTIZIA

• 14 giugno 2017 - entra in vigore la LEGGE 22 maggio 2017, n. 81 - Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l'articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato. (17G00096) (GU n.135 del 13-6-2017 )

BANNER SUB NOTIZIA
Box pubbli1 home

- Il Centro Formazione UNI è un importante punto di riferimento per tecnici, manager, imprenditori, professionisti e consulenti interessati ad apprendere e a mantenersi aggiornati sulle novità tecnico-normative e legislative che stanno alla base della loro attività.

- Milano, 20 febbraio 2018 - Privacy: il Nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati
- Milano, 22 febbraio 2018 - Direttiva Macchine Norme Generali di riferimento
- Milano, 23 febbraio 2018 - La Statistica per i non addetti ai lavori - Corso Avanzato
- Milano, 23 febbraio 2018 - Organizzazione e pianificazione della manutenzione orientata alle esigenze della smart factory nuovi sviluppi
- Milano, 26 febbraio 2018 - Direttiva 93/42/CE dispositivi medici successive modifiche ed integrazioni modalità di applicazione nella pratica quotidiana
-
Milano, 27 febbraio 2018 - Applicare la UNI EN ISO 9001:2015
- Milano, 1 marzo 2018 - Regole di Sicurezza per la Costruzione e l’Installazione degli Ascensori secondo le norme UNI EN 81-20:2014 e UNI EN 81-50:2014
- Milano, dal 5 al 6 marzo 2018 - I professionisti dell’HR Management. HR Performance & Development Professional
- Roma, 7 marzo 2018 - Anticorruzione L. 190/2012 PNA e decreti attuativi - adempimenti obbligatori per i destinatari
- Milano, 7 marzo 2017 - Contesto organizzativo e parti interessate nella UNI EN ISO 9001:2015
- Roma, 8 marzo 2018 - Anticorruzione: la UNI ISO 37001:2016. Un nuovo strumento di prevenzione della corruzione per le aziende
- Milano, 8 marzo 2018 - Le apparecchiature di processo termico industriale secondo le norme UNI EN 746-1 e UNI EN 746-2
- Milano, 9 marzo 2018 - Impianti di estinzione incendi Reti di idranti. Progettazione, installazione ed esercizio secondo la norma UNI 10779
- Roma, 12 marzo 2018 - La Responsabilità Sociale d’Impresa attraverso la UNI ISO 26000: sviluppi e applicazioni della Prassi di Riferimento 18:2016
- Milano, 12 marzo 2018 - Gestire i reclami secondo la UNI ISO 10002:2015 - strumento di fidelizzazione e miglioramento
- Milano, 13 marzo 2018 - Guida alla Gestione Progetti Project Management. La norma UNI ISO 21500:2013
- Milano, 13 marzo 2018 - La nuova UNI CEI EN ISO/IEC 17025. Cosa cambia per i laboratori di prova?
- Milano, 14 marzo 2018 - Gestione Progetti Project Management. Processi e applicazioni secondo le Norme UNI ISO 21500:2013 e UNI 11648:2016


Tutti i corsi >>>>

FOOTER