HEADER
BOX HOME CC
sei in: News > Ambiente
Termotecnica a 360°
23 gennaio 2018
BANNER SUB NOTIZIA
"Estratto dal Dossier pubblicato su U&C n. 2 - Febbraio 2018"
Cosa si intende per “termotecnica”? Per non entrare troppo nel liguaggio specialistico, lasciamo momentaneamente da parte i sacri testi della fisica tecnica e prendiamo spunto da uno degli innumerevoli dizionari on-line. Ad esempio, la Treccani la definisce come “… parte della tecnica che ha per oggetto le applicazioni di carattere industriale dell’energia termica; comprende quindi, in rapporto a tali applicazioni, sia lo studio della produzione dell’energia termica, generalmente attraverso processi di combustione o di trasformazione di energia elettrica o nucleare, sia lo studio della trasmissione del calore e della sua utilizzazione per la produzione di energia meccanica ed elettrica, per il riscaldamento e il condizionamento degli ambienti, per l’esecuzione dei trattamenti termici, ecc…”.
La parole chiave, oggi la chiamiamo “tag”, che sopra le altre individua l’ambito in cui la termotecnica interviene è ovviamente “energia”, ma assieme a essa anche termini quali studio, trasformazione, trasmissione, utilizzazione, riscaldamento e condizionamento aiutano a declinare meglio il settore. Però oggi sicuramente più di prima, a essa si connettono più o meno direttamente anche concetti quali efficienza e prestazione, ambiente, sostenibilità, qualità, sicurezza, gestione; per non parlare di “transizione”, come ultimo, in ordine temporale, tassello introdotto dalla CE negli scenari di medio termine.
Ecco quindi che con pochi passaggi si può scendere dal generale al particolare.
Il passo successivo in questo percorso logico è quello basato sulla constatazione che un settore così complesso in un mercato in continua evoluzione, risente maggiormente degli effetti negativi della mancanza di regole, di procedure comuni, di approcci ordinati, mentre trae innumerevoli vantaggi, anche se a volte non immediatamente percepibili, da una crescita ordinata e indirizzata anche dalle cosiddette “spinte gentili”.
Normazione tecnica significa, in estrema sintesi, rappresentare in documenti volontari lo stato dell’arte di prodotti, processi e servizi per aiutare il mercato a crescere, a essere competitivo, a seguire un’evoluzione ordinata. In questo modo possiamo ritenere di aver chiuso il percorso logico arrivando alla consapevolezza del ruolo che hanno i tavoli della normazione tecnica anche in questo
settore.
Molti ambiti, si è detto. Come è possibile non perdere il filo?
È cosa nota che la normazione volontaria sia gestita verticalmente mediante Commissioni tecniche che sviluppano una ben precisa tematica; ma in un mondo sempre più complesso questo approccio deve essere, almeno in parte, rivisto o comunque integrato con visioni trasversali, azioni di coordinamento, cabine di regia che consentano di collegare i numerosi rami che ogni ambito oggi presenta.
Questo è ancora più importante quando una norma volontaria diventa cogente a seguito di precise indicazioni legislative o in conseguenza della sua adozione da parte di componenti significative del mercato che di fatto ne impongono l’osservanza.
Sono molti i casi di cogenza più o meno reale in cui sono coinvolte norme elaborate dal CTI; basti pensare all’ambito delle prestazioni energetiche degli edifici o a quello dei soggetti titolati a presentare progetti di miglioramento dell’efficienza energetica per i cosiddetti “certificati bianchi”, ma la lista è ben più lunga essendo molte le direttive europee da cui derivano norme tecniche nel campo dell’energia. Da qui la necessità di essere sempre sul pezzo e non dimenticare che quando ci si muove in un sistema molto complesso, ogni passo deve essere ragionato e coordinato con gli altri. Proprio per questa ragione l’attività svolta dal Comitato Termotecnico Italiano nell’ambito del Sistema UNI è importante e a essa si è pensato di dedicare un intero dossier.
Negli articoli che seguono sono descritte le principali attività svolte dalle circa 40 Commissioni tecniche gestite dal CTI con lo scopo non solo di aggiornare chi già si siede attorno ai tavoli normativi, ma soprattutto di illustrare a chi non conosce questo settore, o a chi pensa che si faccia solo “accademia”, come la normazione tecnica possa oggi, ancora più di ieri, aiutare il mercato a crescere, le aziende a essere competitive, il cittadino a essere più sicuro.
Ringrazio per la collaborazione al presente dossier i funzionari Tecnici CTI: Lucilla Luppino, Anna Martino, Mattia Merlini, Dario Molinari, Giovanni Murano, Roberto Nidasio, Giuseppe Pinna.
Fonte: UNI
Per Approfondire:
- "Dossier " Termotecnica a 360°" tratto da U&C n. 2 - febbraio 2018
- www.uni.com
BANNER SUB NOTIZIA
Tematica
BOX HOME DX
BANNER SUB NOTIZIA BANNER SUB NOTIZIA

• Pubblicato in Gazzetta ufficiale italiana il DECRETO 28 giugno 2018 - Proroga dei termini per l'accesso al fondo Kyoto per l'efficientamento energetico degli edifici scolastici. (18A04732) (GU Serie Generale n.164 del 17-07-2018)
• Pubblicato in Gazzetta ufficiale italiana il DECRETO-LEGGE 12 luglio 2018, n. 86 - Disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni dei Ministeri dei beni e delle attivita' culturali e del turismo, delle politiche agricole alimentari e forestali e dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, nonche' in materia di famiglia e disabilita'. (18G00113) (GU Serie Generale n.160 del 12-07-2018) (testo vigente su normattiva - testo multivigente)

BANNER SUB NOTIZIA

• 13 giugno 2018 - entra in vigore il DECRETO 21 marzo 2018, n. 56 - Regolamento per l'attuazione dello schema nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell'impronta ambientale dei prodotti, denominato «Made Green in Italy», di cui all'articolo 21, comma 1, della legge 28 dicembre 2015, n. 221. (18G00078) (GU Serie Generale n.123 del 29-05-2018) (testo vigente su normattiva - testo multivigente)
• 23 maggio 2018 - Entra in vigore il DECRETO 22 maggio 2018 - Attuazione della direttiva n. 238 dell'8 maggio 2018, recante: «Disposizioni in materia di trasporto per ferrovia di merci pericolose di cui al RID, allegato II della direttiva 2008/68/CE relativa al trasporto interno di merci pericolose, recepita con il decreto legislativo 27 gennaio 2010 n. 35». (18A03937) (GU Serie Generale n.131 del 08-06-2018)

BANNER SUB NOTIZIA
Box pubbli1 home

- Il Centro Formazione UNI è un importante punto di riferimento per tecnici, manager, imprenditori, professionisti e consulenti interessati ad apprendere e a mantenersi aggiornati sulle novità tecnico-normative e legislative che stanno alla base della loro attività.

- Milano, 22 ottobre 2018 - L’approccio basato sul rischio nella UNI EN ISO 9001:2015 Strumenti e applicazioni
- Milano, 23 ottoebre 2018 - Regole di sicurezza per la costruzione e l’installazione degli ascensori secondo le norme UNI EN 81-20:2014 e UNI EN 81-50:2014
- Milano, 23 ottobre 2018 - La norma UNI EN ISO 19011:2018. Linee guida per gli audit di sistemi di gestione
- Milano, 23 ottobre 2018 - La progettazione e la scrittura di documenti tecnico-scientifici. Come organizzare le informazioni e usare i dati di progettazione del prodotto per la divulgazione multicanale
- Milano, dal 24 al 25 ottobre 2018 - La valutazione dei rischi, il fascicolo tecnico e le norme armonizzate: come progettare una macchina “sicura” secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE
- Milano, 29 ottobre 2018 - Emissione da sorgente fissa Assicurazione della qualità dei sistemi di misurazione secondo le norme UNI EN 14181:2015
- Milano, 29 ottobre 2018 - Guida alla Gestione Progetti Project Management. La norma UNI ISO 21500:2013
- Milano, 30 ottobre 2018 - Emissioni da sorgente fissa: UNI EN 14181:2015 I metodi di riferimento per le emissioni Descrizioni e valutazioni operative
- Milano, 30 ottobre 2018 - Gestione Progetti Project Management. Processi e applicazioni secondo le Norme UNI ISO 21500:2013 e UNI 11648:2016




Tutti i corsi >>>>

FOOTER