HEADER
BOX HOME CC
sei in: News > Sicurezza
Sicurezza del macchinario
12 dicembre 2018
BANNER SUB NOTIZIA
"Estratto dal Dossier pubblicato su U&C n. 9 - Ottobre 2018"
È evidente come il tema della sicurezza del macchinario sia un argomento che coinvolge diversi settori (per esempio apparecchi di sollevamento, ascensori e scale mobili, ergonomia, macchine utensili, pompe e piccole turbine idrauliche) ed è proprio per questo motivo che il campo della sicurezza del macchinario è molto ampio e in UNI sono diverse le Commissioni che si occupano di sicurezza.
In particolare nell’ambito della Commissione “Sicurezza” esiste la Sottocommissione 1 “Macchine” a sua volta articolata in vari Gruppi di lavoro.
Il GL 1 “Sicurezza del macchinario” si occupa degli aspetti relativi alla sicurezza generale dei macchinari mentre gli altri Gruppi di lavoro si occupano di requisiti di sicurezza specifici applicabili alle diverse tipologie di macchine.
Come è noto a livello cogente le macchine e la loro sicurezza sono coperte dalla Direttiva europea 2006/42/CE. La Direttiva si applica a macchine fisse, mobili, trasportabili e di sollevamento/ spostamento e definisce i requisiti essenziali in materia di sicurezza e di salute pubblica ai quali le macchine devono essere conformi e che devono essere considerati in fase di progettazione e fabbricazione e durante il funzionamento prima della immissione sul mercato. Sicurezza che deve essere garantita anche effettuando una corretta installazione e manutenzione delle macchine.
Le norme riguardanti la sicurezza del macchinario sono suddivise in tre categorie:
   a) norme di tipo A (norme di base) le quali indicano concetti di base, principi di progettazione e aspetti generali che possono essere applicati al macchinario;
   b) norme di tipo B (norme di sicurezza generiche) le quali trattano uno o più aspetti di sicurezza o uno o più tipi di mezzi di protezione che possono essere utilizzati per un’ampia gamma di macchine suddivise a loro volta in:
      • norme di tipo B1 per particolari aspetti della sicurezza (per esempio distanze di sicurezza, temperatura superficiale, rumore),
      • norme di tipo B2 sui mezzi di protezione (per esempio comandi a due mani, dispositivi di interblocco, dispositivi sensibili alla pressione, ripari);
   c) norme di tipo C (norme di sicurezza per categorie di macchine) le quali trattano requisiti di sicurezza dettagliati per una particolare macchina o gruppo di macchine.
Il settore delle macchine costituisce una parte importante del settore della meccanica ed è uno dei pilastri industriali dell’economia comunitaria.
Risulta pertanto essenziale garantire a livello comunitario un’attività di sorveglianza del mercato in termini di sicurezza. A tal fine nel 2016 la Commissione europea (con pubblicazione di aggiornamenti periodici), ha effettuato un’indagine per valutare quali miglioramenti a livello di sicurezza dei macchinari la Direttiva abbia portato dalla sua entrata in vigore nel 2009.
L'obiettivo era quello di raccogliere feedback dagli stakeholder in relazione all'applicazione della Direttiva dal momento della sua pubblicazione fino ad oggi. In particolare mirava a evidenziare, se e in quale misura la Direttiva rispettasse l’obiettivo di garantire la libera circolazione dei prodotti assicurando un elevato grado di sicurezza per gli utilizzatori, per le altre persone esposte e per la protezione dell'ambiente (per quanto riguarda i macchinari utilizzati nelle applicazioni di pesticidi). La valutazione prendeva in considerazione altri aspetti come per esempio l‘idoneità della Direttiva in relazione ai nuovi sviluppi tecnologici (per esempio Industria 4.0). I risultati di tale indagine sono reperibili sul sito della Commissione europea (https://bit.ly/2x8R1TT).
Il dossier UNI evidenzia il ruolo della Direttiva Macchine per l’immissione dei prodotti sul mercato e le novità introdotte dalla nuova edizione della Direttiva uscita nel 2017. Nell’ambito della sicurezza fornisce alcuni approfondimenti su alcuni aspetti relativi ai circuiti di comando e al controllo della macchina, nonché sull’importanza della funzione di arresto di emergenza e un quadro normativo sugli ambiti di competenza della Sottocommissione Macchine, in particolare per gli aspetti del settore delle centrifughe, delle macchine per plastica e gomma, degli imballaggi e degli impianti e apparecchiature per i trattamenti di superficie e dei sistemi robotizzati. Sempre in ambito sicurezza, un contributo arriva anche dal settore scale mobili e marciapiedi mobili considerati come delle macchine.
Il dossier mira a sensibilizzare tutte le parti interessate, evidenziando l’importanza di partecipare ai lavori normativi dell’UNI e in parallelo ai lavori europei e internazionali, per continuare a garantire che la sicurezza di tutti quelli che utilizzano i macchinari sia prioritaria per lo sviluppo del settore macchine. Le norme sono in continuo aggiornamento e pertanto diventa sempre più significativo l’apporto di esperti del settore che possono contribuire in modo attivo portando le proprie conoscenze ed esperienze in ambito normativo.
Fonte: UNI
Per Approfondire:
- www.uni.com
- "Sicurezza del macchinario"- Dossier tratto da U&C n. 9 - Ottobre 2018"

BANNER SUB NOTIZIA
Argomenti Correlati
BOX HOME DX
BANNER SUB NOTIZIA BANNER SUB NOTIZIA

DECRETO-LEGGE 14 dicembre 2018, n. 135 - Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione. (18G00163) (GU Serie Generale n.290 del 14-12-2018) (testo vigente su normattiva - testo multivigente)

BANNER SUB NOTIZIA

• 15 dicembre 2018 - Entra in vigore il DECRETO-LEGGE 14 dicembre 2018, n. 135 - Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione. (18G00163) (GU Serie Generale n.290 del 14-12-2018)
(DAL 1° GENNAIO 2019 IL SISTRI E' SOPPRESSO - News sicurambiente.it)

BANNER SUB NOTIZIA
Box pubbli1 home
FOOTER