HEADER
BOX HOME CC
TEMI > D.LGS 81/2008 > Index
INFORMAZIONE, FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO
Una prima definizione di formazione, riferita all'ambito professionale, è quella prevista all'articolo 1 della legge quadro n° 845 del 21 dicembre 1978 nel quale è detto che la Repubblica promuove la formazione e l'elevazione professionale in attuazione degli articoli 3, 4, 35 e 38 della Costituzione, al fine di rendere effettivo il diritto al lavoro ed alla sua libera scelta e di favorire la crescita della personalità dei lavoratori attraverso l'acquisizione di una cultura professionale.
Soccessivamente, con la direttiva 89/391/CEE del Consiglio dei Ministri del 12 giugno 1989, vengono stabilite a livello europeo un complesso di norme al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori, tra le quali l'obbligo per i datori di lavoro di effettuare attività di prevenzione, informazione e formazione dei lavoratori, specialmente per: evitare i rischi o gestire i rischi che non possono essere evitati; fornire istruzioni adeguate ai lavoratori dando priorità alle misure di protezione collettive; adeguare le condizioni di lavoro, le attrezzature e i metodi di lavoro in considerazione del progresso tecnico.
La direttiva 89/391/CEE è stata recepita nell’ordinamento nazionale con il Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626, il quale ha  introdotto il principio dell’organizzazione e gestione in sicurezza dei processi lavorativi, facendo evolvere un ordinamento basato essenzialmente sulla prevenzione tecnologica verso un sistema di sicurezza globale che pone l’uomo, anziché la macchina, al centro della nuova organizzazione della sicurezza in azienda.
Il D.Lgs 626/94 è stato sostituito dal Decreto legislativo 8 aprile 2008, n. 81 il quale, con l'articolo 2, deifinsce la formazione come il processo educativo attraverso il quale trasferire ai lavoratori ed agli altri soggetti del sistema di prevenzione e protezione aziendale conoscenze e procedure utili alla acquisizione di competenze per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda e alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi. L'articolo 37 dello stesso D.Lgs. stabilisce che il datore di lavoro deve assicurare che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza, anche per i rischi specifici che l'attività svolta comporta. Le modalità con cui deve avvenire la formazione, la durata, i contenuti minimi sono state definite dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano con l'accordo del 21 dicembre 2011. Con il decreto interministeriale pubblicato nella GUI del 18 marzo 2013 sono stati definiti i criteri dei formatori.

Sempre l'articolo 2 del D.Lgs. 81/2008 definisce l'informazione come il complesso delle attività dirette a fornire conoscenze utili alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi in ambiente di lavoro. L'informazione, Insieme alla formazione, fanno parte delle misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratoria, a qualsiasi livello gerarchico siano collocati nei luoghi di lavoro (art. 15 D.Lgs 81/2008) .
L'articolo 36 dello stesso D.Lgs 81/2008 prevede che il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro connessi alla attività della impresa in generale; sulle procedure che riguardano il primo soccorso, la lotta antincendio, l'evacuazione dei luoghi di lavoro; sui nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di cui agli articoli 45 (primo soccorso) e 46 (Prevenzione incendi); sui nominativi del responsabile e degli addetti del servizio di prevenzione e protezione, e del medico competente. Il datore di lavoro deve anche provvedere affinche' ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: sui rischi specifici cui è esposto in relazione all'attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia; sui pericoli connessi all'uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica; sulle misure e le attivita' di protezione e prevenzione adottate. L’informazione corretta e puntuale è fondamentale per tutti i sistemi partecipativi che coinvolgono il lavoratore.

L'articolo 2 del D.Lgs. 81/2008 definisce l'addestramento come il complesso delle attivita' dirette a fare apprendere ai lavoratori l'uso corretto di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale, e le procedure di lavoro. L'addestramento, precisa il comma 5 dell'articolo 37, deve essere effettuato da persona esperta e sul luogo di lavoros. Come per la formazione deve avvenire in occasione: della costituzione del rapporto di lavoro o dell'inizio dell'utilizzazione qualora si tratti di somministrazione di lavoro; del trasferimento o cambiamento di mansioni; della introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi.
L'addestramento è finalizzato all’applicazione delle istruzioni pratiche necessarie all’esecuzione di attività o compiti specifici.

Scadenze:
12 MARZO 2013 - Entra in vigore l'Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano concernente l'individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali e' richiesta una specifica abilitazione degli operatori, nonche' le modalita' per il riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi di validita' della formazione, in attuazione dell'art. 73, comma 5, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81
18 MARZO 2014 - Entra in vigore il Decreto Interministeriale 6 marzo 2013 - Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro (GU n.65 del 18-3-2013)
12 MARZO 2015 - Da oggi è in vigore l'obbligo di qualifica per la conduzione e l'utilizzo delle attrezzature di cui il comma 5 dell'art. 73 del D.Lgs 81/2008 individuate dall'Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011.

TAG - TESTO UNICO

BANNER HOME SX

Argomenti Correlati
BOX HOME DX
BANNER SUB NOTIZIA BANNER SUB NOTIZIA

DECRETO 25 gennaio 2019 - Modifiche ed integrazioni all'allegato del decreto 16 maggio 1987, n. 246 concernente norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

BANNER SUB NOTIZIA

• 15 dicembre 2018 - Entra in vigore il DECRETO-LEGGE 14 dicembre 2018, n. 135 - Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione. (18G00163) (GU Serie Generale n.290 del 14-12-2018)
(DAL 1° GENNAIO 2019 IL SISTRI E' SOPPRESSO - News sicurambiente.it)

BANNER SUB NOTIZIA
Box pubbli1 home

- Il Centro Formazione UNI è un importante punto di riferimento per tecnici, manager, imprenditori, professionisti e consulenti interessati ad apprendere e a mantenersi aggiornati sulle novità tecnico-normative e legislative che stanno alla base della loro attività.

- Milano, 17 giugno 2019 - Implementare un modello ai sensi del D.LGS 231/2001 Aspetti di Audit tipici dei modelli 231 e Attività dell’organismo di vigilanza
- Milano, 17 giugno 2019 - Che fine ha fatto il "Manuale di Qualità"? Le informazioni documentate nella UNI EN ISO 9001:2015
- Milano, 18 giugno 2019 - Applicazione D.M. n. 329 – 1° dicembre 2004 D. Lgsl. n. 81 – 9 aprile 2008 in ottemperanza al Decreto n. 111 - 11 aprile 2011. Criteri generali per la gestione degli impianti industriali
- Roma, 20 giugno 2019 - La nuova UNI CEI EN ISO/IEC 17025 cosa cambia per i laboratori di prova? Novità
- Milano, 20 giugno 2019 - UNI CEN/TS 15675 qualità dell’aria misurazione di emissioni da sorgente fissa - Applicazione della UNI CEI EN ISO/IEC 17025
- Milano, 21 giugno 2019 - GESTIONE DEGLI SME Sistemi di misura alle emissioni Novità
- Milano, 24 giugno 2019 - Sistema di Gestione Integrato. Corso introduttivo Novità
- Milano, 26 giugno 2019 - UNI EN 12845 Impianti di estinzione incendi. Impianti Sprinkler I cambiamenti introdotti dalla nuova edizione 2015
- Milano, 8 luglio 2019 - UNI EN ISO 14021, UNI EN ISO 14024 e UNI EN ISO 14025. Strumenti di conformità del Green Public Procurement Novità
- Milano, 9 luglio 2019 - La norma UNI ISO 45001:2018. Sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro Novità
- Milano, 10 luglio 2019 - La nuova UNI CEI EN ISO/IEC 17025 cosa cambia per i laboratori di prova? Novità
- Milano, 10 luglio 2019 - Le isole robotizzate applicazione della Norma UNI EN ISO 10218-2
- Milano, dal 11 al 12 luglio 2019 - Sistema di Gestione Integrato. Strumenti e applicazioni

I corsi UNI 1° semestre 2019 >>

FOOTER