HEADER
BOX HOME CC
TEMI > Index
PROTEZIONE DELL'OZONO
L'ozono stratosferico è una delle tematiche fondamentali e prioritarie dell'ambiente globale, sia per i problemi che riguardano il clima e i cambiamenti climatici, sia per quanto riguarda la protezione sanitaria della popolazione. Anche se ci riferiamo sempre allo stesso gas (cioè l'ozono, O3), l'ozono stratosferico non è un inquinante (come lo è l'ozono troposferico) ma un composto naturale della stratosfera.
Poiché l'ozono è un gas capace di trattenere la radiazione infrarossa, la diminuzione di ozono stratosferico (il cosiddetto buco dell'ozono) provoca un minore assorbimento di energia termica e contribuisce, quindi, al raffreddamento della stratosfera. Il raffreddamento della stratosfera, a sua volta, oltre che essere un effetto è anche causa del riscaldamento dei bassi strati dell'atmosfera.
La diminuzione dell'ozono stratosferico comporta dunque una riduzione dell'azione filtrante che normalmente esercita nei confronti delle radiazioni solari ultraviolette, considerate potenzialmente pericolose per la salute umana. La maggiore intensità di radiazione ultravioletta che, a causa appunto del buco dell'ozono, giunge sulla superficie terrestre aumenta i rischi sanitari delle popolazioni mondiali, soprattutto di quelle che vivono alle medie e alte latitudini, principalmente a causa dell'esposizione esterna (essenzialmente la parte cutanea e gli occhi).
La diminuzione dell'ozono stratosferico, alla luce degli accertamenti scientifici finora compiuti, è iniziata nei primi anni '70. In Antartide, a parte le marcate riduzioni che si osservano tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera australe (settembre-ottobre), il valore medio annuo del contenuto di ozono stratosferico è attualmente a livelli compresi tra il 50 e il 70% rispetto agli analoghi livelli osservati negli anni '60. Diminuzioni statisticamente significative dell'ozono stratosferico, e con una tendenza a diventare sempre più forti ed estese, sono state osservate anche nella stratosfera artica e alle medie latitudini di entrambi gli emisferi.

Le cause del buco dell'ozono
La principale causa di variazione dell'ozono stratosferico è legata all'attività solare e in particolare alle macchie solari, alle variazioni del vento solare e soprattutto alle variazioni del flusso solare incidente sull'alta atmosfera terrestre. Altre cause sono legate ad anomalie meteorologiche e alle interazioni energetiche tra stratosfera e troposfera.
Notizie correlate
• Pubblicato in GUUE il Regolamento (UE) n. 421/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, recante modifica della direttiva 2003/87/CE che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità, in vista dell'attuazione, entro il 2020, di un accordo internazionale che introduce una misura mondiale unica basata sul mercato da applicarsi alle emissioni del trasporto aereo internazionale
• Pubblicato in GUUE il Regolamento (UE) N. 176/2014 della Commissione del 25 febbraio 2014 recante modifica del regolamento (UE) n. 1031/2010 al fine di determinare, in particolare, i volumi delle quote di emissioni dei gas a effetto serra da mettere all’asta nel periodo 2013-2020
In vigore dal 12 ottobre la disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni sulle sostanze che riducono lo strato di ozono
Si tratta, comunque, di cause naturali che però non spiegano la diminuzione marcata e accelerata di ozono stratosferico osservata negli ultimi decenni in particolare sulla stratosfera antartica, dove il fenomeno è particolarmente vistoso sul finire dell'inverno australe (settembre). Infatti, la scoperta nel 1985, attraverso immagini da satellite, di una forte diminuzione dell'ozono stratosferico antartico non solo ha allarmato la comunità scientifica internazionale, ma ha stimolato un maggiore impegno internazionale per l'avvio di una serie di studi e di ricerche finalizzati alla comprensione del fenomeno.
Le ricerche finora condotte hanno messo in evidenza l'importanza di cause legate alle attività umane e, in particolare, all'emissione di composti chimici dannosi per l'ozono stratosferico, fra cui quelli clorurati e fluorurati (per esempio, i clorofluorocarburi-CFC).
La manifestazione della volontà internazionale di procedere a una drastica riduzione delle emissioni di composti capaci di distruggere l'ozono stratosferico è stata rappresentata dalla Convenzione firmata a Vienna il 22 marzo 1985. La Convenzione ha visto una prima attuazione concreta con il Protocollo di Montreal, adottato il 16 settembre 1987 ed entrato in vigore nel 1989. Il Protocollo è stato successivamente modificato, aggiornato e reso via via più restrittivo, tanto che ora in molti Paesi industrializzati si è quasi giunti al bando completo dei consumi di CFC e di altre sostanze alogenate (halon).
Ma per ripristinare la situazione precedente alla comparsa del buco dell'ozono (o quantomeno per avvicinarsi a quella condizione) occorrerà molto tempo, sia perché i CFC hanno una durata di vita di decenni, sia perché per arrivare nella stratosfera impiegano anni. Se verranno rispettati gli impegni previsti dal Protocollo, le sostanze accumulate nella stratosfera continueranno la loro azione distruttiva ancora per un lungo periodo e solo a partire dal 2005 inizierà il processo di ripristino della fascia di ozono, che non si concluderà prima del 2060. Purtroppo, continuano a essere numerosi i rischi cui va incontro il processo di attuazione del Protocollo, rallentandone enormemente l'efficacia.
(Tratto dal sito dell'Istituto Superiore per la Portezione e la Ricerca Ambientale)






BANNER HOME SX
Argomenti Correlati
BOX HOME DX
BANNER SUB NOTIZIA BANNER SUB NOTIZIA

DECRETO 25 gennaio 2019 - Modifiche ed integrazioni all'allegato del decreto 16 maggio 1987, n. 246 concernente norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

BANNER SUB NOTIZIA

• 15 dicembre 2018 - Entra in vigore il DECRETO-LEGGE 14 dicembre 2018, n. 135 - Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione. (18G00163) (GU Serie Generale n.290 del 14-12-2018)
(DAL 1° GENNAIO 2019 IL SISTRI E' SOPPRESSO - News sicurambiente.it)

BANNER SUB NOTIZIA
Box pubbli1 home

- Il Centro Formazione UNI è un importante punto di riferimento per tecnici, manager, imprenditori, professionisti e consulenti interessati ad apprendere e a mantenersi aggiornati sulle novità tecnico-normative e legislative che stanno alla base della loro attività.

- Milano, 17 giugno 2019 - Implementare un modello ai sensi del D.LGS 231/2001 Aspetti di Audit tipici dei modelli 231 e Attività dell’organismo di vigilanza
- Milano, 17 giugno 2019 - Che fine ha fatto il "Manuale di Qualità"? Le informazioni documentate nella UNI EN ISO 9001:2015
- Milano, 18 giugno 2019 - Applicazione D.M. n. 329 – 1° dicembre 2004 D. Lgsl. n. 81 – 9 aprile 2008 in ottemperanza al Decreto n. 111 - 11 aprile 2011. Criteri generali per la gestione degli impianti industriali
- Roma, 20 giugno 2019 - La nuova UNI CEI EN ISO/IEC 17025 cosa cambia per i laboratori di prova? Novità
- Milano, 20 giugno 2019 - UNI CEN/TS 15675 qualità dell’aria misurazione di emissioni da sorgente fissa - Applicazione della UNI CEI EN ISO/IEC 17025
- Milano, 21 giugno 2019 - GESTIONE DEGLI SME Sistemi di misura alle emissioni Novità
- Milano, 24 giugno 2019 - Sistema di Gestione Integrato. Corso introduttivo Novità
- Milano, 26 giugno 2019 - UNI EN 12845 Impianti di estinzione incendi. Impianti Sprinkler I cambiamenti introdotti dalla nuova edizione 2015
- Milano, 8 luglio 2019 - UNI EN ISO 14021, UNI EN ISO 14024 e UNI EN ISO 14025. Strumenti di conformità del Green Public Procurement Novità
- Milano, 9 luglio 2019 - La norma UNI ISO 45001:2018. Sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro Novità
- Milano, 10 luglio 2019 - La nuova UNI CEI EN ISO/IEC 17025 cosa cambia per i laboratori di prova? Novità
- Milano, 10 luglio 2019 - Le isole robotizzate applicazione della Norma UNI EN ISO 10218-2
- Milano, dal 11 al 12 luglio 2019 - Sistema di Gestione Integrato. Strumenti e applicazioni

I corsi UNI 1° semestre 2019 >>

FOOTER