HEADER
BOX HOME CC
TEMI > Index
RIFIUTI
Nell'ordinamento italiano la definizione di rifiuto è stata introdotta per la prima volta con il D.P.R. 915/2002 il quale recepiva la Direttiva europea 75/442/CE.
Successivamente la Direttiva 156/91/CE del 18 marzo 1991 interveniva a modificare quella del 1975 introducendo alcune modifiche importanti riguardo la nozione di rifiuto. In particolare l'art. 1, lett. a) modificava la nozione di rifiuto, definendo come tale “qualsiasi sostanza od oggetto che rientri nelle categorie riportate nell’allegato I e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l’obbligo di disfarsi”. Nella definizione venivano introdotti due nuovi elementi: la necessità che la sostanza, per essere qualificata come rifiuto, rientrasse in una delle categorie elencate nell'allegato I della medesima direttiva e che oltre alla condotta del disfarsi e all'obbligo di disfarsi.
La direttiva 156/91/CE è stata recepita nell'ordinamento italiano con il D.Lgs. 22/1997 (Decreto Ronchi), abrogato e sostituito dal D.Lgs. 152/2006 attualemente in vigore
La Direttiva 156/91/CE è stata abrogata dalle Direttiva 2006/12/CE, a sua volta abrogata dalla Direttiva 2008/98/CE
Nella normativa vigenta la parte quarta del Decreto Legislatvo 3 aprile 2006 è dedicata aiia gestione dei rifiuti e dei siti inquinati e l'art. 183 del D.Lgs. 152/2006 defisce "rifiuto": qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l'intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi.
La definizione, come già nel precedente D.Lgs. 22/1997 (Decreto Ronchi), rimana fondata sul concetto del “disfarsi”, che costituisce la condizione necessaria affinché un oggetto, un bene o un materiale sia classificato come rifiuto e, successivamente, codificato sulla base del vigente elenco europeo dei rifiuti (CER).
Tale concetto è stato sancito anche dalla Corte di Giustizia delle Comunità Europee, la quale specifica che "l’ambito di applicazione della nozione di rifiuto dipende dal significato del termine disfarsi" (Corte di Giustizia, sentenza 18 aprile 2002, causa C-9/00).
L'art. 184 del D.Lgs. 152/2006 classifica i rifiuti, secondo l'origine, in rifiuti urbani e rifiuti speciali e, secondo le caratteristiche di pericolosità, in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi.
Un rifiuto, precisa l'art. 184-ter cessa di essere tale, quando e' stato sottoposto a un'operazione di recupero, incluso il riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo, e soddisfi i criteri specifici, da adottare nel rispetto delle seguenti condizioni:
a) la sostanza o l'oggetto e' comunemente utilizzato per scopi specifici;
b) esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto;
c) la sostanza o l'oggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti;
d) l'utilizzo della sostanza o dell'oggetto non portera' a impatti complessivi negativi sull'ambiente o sulla salute umana.





BANNER HOME SX
Argomenti Correlati
BOX HOME DX
BANNER SUB NOTIZIA BANNER SUB NOTIZIA

• Pubblicato in Gazzetta ufficiale italiana il DECRETO 22 maggio 2018 - Attuazione della direttiva n. 238 dell'8 maggio 2018, recante: «Disposizioni in materia di trasporto per ferrovia di merci pericolose di cui al RID, allegato II della direttiva 2008/68/CE relativa al trasporto interno di merci pericolose, recepita con il decreto legislativo 27 gennaio 2010 n. 35». (18A03937) (GU Serie Generale n.131 del 08-06-2018)

BANNER SUB NOTIZIA

• 13 giugno 2018 - entra in vigore il DECRETO 21 marzo 2018, n. 56 - Regolamento per l'attuazione dello schema nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell'impronta ambientale dei prodotti, denominato «Made Green in Italy», di cui all'articolo 21, comma 1, della legge 28 dicembre 2015, n. 221. (18G00078) (GU Serie Generale n.123 del 29-05-2018) (testo vigente su normattiva - testo multivigente)
• 23 maggio 2018 - Entra in vigore il DECRETO 22 maggio 2018 - Attuazione della direttiva n. 238 dell'8 maggio 2018, recante: «Disposizioni in materia di trasporto per ferrovia di merci pericolose di cui al RID, allegato II della direttiva 2008/68/CE relativa al trasporto interno di merci pericolose, recepita con il decreto legislativo 27 gennaio 2010 n. 35». (18A03937) (GU Serie Generale n.131 del 08-06-2018)

BANNER SUB NOTIZIA
Box pubbli1 home

- Il Centro Formazione UNI è un importante punto di riferimento per tecnici, manager, imprenditori, professionisti e consulenti interessati ad apprendere e a mantenersi aggiornati sulle novità tecnico-normative e legislative che stanno alla base della loro attività.

- Milano, 19 giugno 2018 - Le isole robotizzate applicazione della norma UNI EN ISO 10218-2
- Milano, 20 giugno 2018 - Implementare un Modello ai sensi del D.Lgs 231/2001. Aspetti di Audit tipici dei modelli 231 e attività dell’Organismo di Vigilanza
- Milano, 21 giugno 2018 - Applicazione D.M. n. 329 – 1° dicembre 2004 D. Lgsl. n. 81 – 9 aprile 2008 in ottemperanza al Decreto n. 111 - 11 aprile 2011. Criteri generali per la gestione degli impianti industriali
- Milano, 21 giugno 2018 - L’igienista occupazionale a supporto di salute e benessere nei luoghi di vita e lavoro
- Milano, 22 giugno 2018 - I principali indici aziendali per conoscere l’impresa e formulare un rating di valutazione (per i non addetti ai lavori)
- Milano, 25 giugno 2018 - La norma UNI ISO 45001:2018. Sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro
- Milano, dal 28 al 29 giugno 2018 - Sistema di Gestione Integrato. Strumenti e applicazioni
- Milano, 11 luglio 2018 - Industria 4.0 e innovazione delle imprese: dalle origini fino alle applicazioni dell’Italia digitale 2017-2020
- Roma, 18 settembre 2018 - Industria 4.0 e innovazione delle imprese: dalle origini fino alle applicazioni dell’Italia digitale 2017-2020
- Milano, 28 novembre 2018 - Industria 4.0 e innovazione delle imprese: dalle origini fino alle applicazioni dell’Italia digitale 2017-2020


Tutti i corsi >>>>

FOOTER