HEADER
BOX HOME CC
TEMI > Index
SOSTANZE PERICOLOSE
Tratto dal sito dell'Agenzia uuropea per la sicurezza e la salute sul lavoro
Le sostanze pericolose (vale a dire qualsiasi sostanza liquida, gassosa o solida che costituisce un rischio per la salute o la sicurezza dei lavoratori) sono riscontrabili in quasi tutti gli ambienti di lavoro. In Europa, milioni di lavoratori entrano in contatto ogni giorno con agenti chimici o biologici che possono danneggiare la salute.
Secondo uno studio recente, il 19% dei lavoratori dell'UE denuncia un'esposizione a vapori tossici per almeno un quarto dell'orario di lavoro, mentre per il 15% la manipolazione di sostanze pericolose rientra tra le mansioni di lavoro quotidiane.
Se i rischi dell'utilizzo delle sostanze pericolose non sono gestiti in maniera adeguata, possono insorgere i danni più disparati per la salute dei lavoratori, con conseguenze che vanno da lievi irritazioni di occhi e cute fino ad asma, disturbi della riproduzione, difetti congeniti e tumore. Questi effetti possono verificarsi sia dopo un'unica breve esposizione alla sostanza pericolosa, sia dopo esposizioni multiple, che danno luogo a un accumulo di sostanze pericolose nell'organismo.
Nell'UE i datori di lavoro hanno l'obbligo di proteggere i propri dipendenti dai danni derivanti dall'esposizione a sostanze pericolose sul luogo di lavoro. Devono quindi effettuare valutazioni dei rischi e provvedere in base ai risultati emersi da tali attività. La normativa disciplina inoltre l'identificazione e l'etichettatura delle migliaia di diverse sostanze registrate sul mercato dell'UE.
Notizie correlate
• pubblicato il decreto 25 marzo 2015 - Procedura per l'esenzione, nell'interesse della difesa, del regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) per alcune sostanze in quanto tali o in quanto componenti di miscele o articoli, ai sensi dell'articolo 2, paragrafo 3, del medesimo regolamento
Il 25 febbraio prossimo l'EACH risponderà alle PMI
Ridurre i rischi rappresentati dall'esposizione a sostanze pericolose sul lavoro non è soltanto un imperativo legale e morale: è anche una scelta redditizia per l'azienda. In caso di problemi, infatti, le imprese possono incorrere in una serie di difficoltà quali una perdita di produttività, una maggiore responsabilità legale e un aumento delle richieste di indennizzo; anche i lavoratori possono subire svantaggi.
Fortunatamente, è disponibile per la consultazione da parte di lavoratori e datori di lavoro un'ampia mole di materiale informativo sulla manipolazione delle sostanze pericolose. E in Europa vi sono inoltre molti esempi di buone prassi cui fare riferimento.
Intervenendo in maniera adeguata è possibile garantire la sicurezza dei lavoratori che hanno a che fare con le sostanze pericolose.
I datori di lavoro sono inoltre obbligati a fornire ai propri dipendenti informazioni sui rischi provenienti dalle sostanze pericolose e a erogare loro una formazione sull'uso sicuro di tali sostanze. Le norme in materia si applicano sia ai prodotti disponibili in commercio sia ai rifiuti e ai sottoprodotti dei processi di produzione.

TAG: Sostanze pericolose - REACH - PCB - Merci pericolose



BANNER HOME SX
Argomenti Correlati
BOX HOME DX
BANNER SUB NOTIZIA BANNER SUB NOTIZIA

DECRETO-LEGGE 14 dicembre 2018, n. 135 - Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione. (18G00163) (GU Serie Generale n.290 del 14-12-2018) (testo vigente su normattiva - testo multivigente)

BANNER SUB NOTIZIA

• 15 dicembre 2018 - Entra in vigore il DECRETO-LEGGE 14 dicembre 2018, n. 135 - Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione. (18G00163) (GU Serie Generale n.290 del 14-12-2018)
(DAL 1° GENNAIO 2019 IL SISTRI E' SOPPRESSO - News sicurambiente.it)

BANNER SUB NOTIZIA
Box pubbli1 home
FOOTER